CollageImpiantifull
CollageImpiantifull CollageImpiantifull
CollageImpiantifull
Sezione ARI di Pizzo, IQ8VK
Castellocolore02
axis_logo
logoClubMed
Immagine7

La Sezione di Pizzo è un'associazione senza fine di lucro di radioamatori, che discende dall'A.R.I. - Associazione Radioamatori Italiani - avente lo scopo di riunire ed assistere tutti coloro che si interessano delle attività radiantistiche dando supporto scientifico e culturale, promuovendo esperimenti e prove per incrementare la diffusione delle ricetrasmissioni amatoriali e tutte le attività collaterali.

L'A.R.I. è stata fondata nel 1927 da Ernesto Montù (uno dei primi radioamatori del nostro paese) e Guglielmo Marconi è stato presidente onorario dell'A.R.I. fino al 1937 (anno della sua scomparsa). L'A.R.I. è stata dichiarata Ente Morale nel 1950 con Decreto dell'allora Presidente della Repubblica Luigi Einaudi.

Oggi l'A.R.I. ha sede a Milano in Via Scarlatti, 31 e la sua attività è regolata da uno Statuto la cui ultima stesura è stata approvata con D.P.R. 24-11-1977 n. 1105.

La sezione ARI di Pizzo (codice 88.04), è stata istituita nell'anno 1983 ed oggi raccoglie fra i suoi iscritti radioamatori sparsi sul territorio regionale che l'hanno scelta come punto di riferimento e polo di aggregazione per tutte le loro manifestazioni ed attività. Le attività della sezione si svolgono in conformità di un Regolamento approvato dal Comitato Regionale Calabria. La Sezione ha attivato un ponte ripetitore UHF (U6 - IR8UP) sito in località Cresta di Zungri ed un nodo Packet Supervozley IR8VV.

Con l'iscrizione annuale all'associazione si ha il diritto di ricevere mensilmente una copia di Radio Rivista che è l'organo ufficiale dell'ARI, e di usufruire del servizio QSL che sono le cartoline che confermano i collegamenti radio da e per (quasi) tutti i paesi del mondo, oltre ad una serie di servizi di tutela, assistenza e assicurazione dei soci nei riguardi di Enti e Autorità sia nazionali che internazionali.

Per poter esercitare l'attività di emissione radio sulle bande di frequenza assegnate ai radioamatori l'aspirante deve essere autorizzato alla trasmissione, cioè deve conseguire la "patente di operatore radio" e la successiva "autorizzazione generale".

La Patente abilita all'esercizio di una stazione radiantistica (in pratica consente di operare da una stazione di radioamatore già esistente ed autorizzata), ma solo attraverso la successiva Autorizzazione Generale si ottiene il permesso di impiantare una propria nuova stazione con antenne ed apparati rice-trasmittenti nonchè il rilascio di un "Nominativo Internazionale" che identifica la stazione stessa in tutto il mondo. Tale nominativo viene poi inserito in un grande elenco mondiale di radioamatori noto con il termine inglese di Call-Book disponibile sia sotto forma di grossi volumi stampati internazionalmente che on-line per una rapida consultazione via internet anche attraverso il sito di QRZ.com.

boxStoriaPizzo
logoDXFUN
boxAriMi
BoxQuest_AspirantiRadioam
boxStatutoAriMi1
I radioamatori per il terremoto
boxRegolamSez
TestataRR
box40mt
boxComeIniziare
franco
qrzcom150

Silent Key: in ricordo
di Franco Guglielmelli, I8EMG

Counter Stats
mortgage
mortgage Counter
Statistiche sito,contatore visite, counter web invisibile
FotoMarconi FotoRadioMarconi

Guglielmo Marconi, l'inventore della "radio"

Una delle radio di Guglielmo Marconi

schemaRxMontu
libroMontu

Ing. Ernesto Montù: pubblicazioni e schemi di radio ricetrasmittenti

libro2Montu
schemaTxMontu
SamuelFBMorse morsetelegraph morsealphabet

Samuel F.B. Morse: l'inventore del telegrafo

Telegrafo Morse

Codice Morse

logoari logoariMigrande logoari logoariMigrande Home Page Attivita' Notizie Soci LF/HF VHF/UHF/SHF VHF/UHF/SHF LF/HF Attivita' Notizie Soci VHF/UHF/SHF axis_logo logoClubMed Immagine7 boxStoriaPizzo logoDXFUN boxAriMi BoxQuest_AspirantiRadioam Terremoto I radioamatori per il terremoto TestataRR box40mt boxComeIniziare qrzcom150